15 settembre, ore 9:00: Il Salone del Risparmio riapre le porte!

Venerdì, 03 Settembre 2021

In primo piano

Dopo più di un anno di stop, il MiCo è pronto ad accogliere la manifestazione dedicata al Risparmio gestito, nel rispetto di tutti i protocolli dettati dalla normativa anti Covid19. Tre giornate ricche di incontri, conferenze, approfondimenti sui principali temi che interessano operatori, investitori privati e imprese.

Amundi è come sempre fra i protagonisti di spicco dell’evento e sono numerosi  gli appuntamenti che ci vedono coinvolti, a partire dalla nostra conferenza che avrà luogo il 15 settembre alle 14:30: RACCONTI DAL FUTURO. VISIONI DI ECONOMIA REALE E SOSTENIBILITA’.

Il tema affrontato è come la sostenibilità può diventare un asset strategico e contribuire all’economia reale. Dialogheranno con Paolo Proli, Head of Retail Division, tre prestigiosi ospiti: Walter Ruffinoni, Amministratore Delegato di NTT Data, uno dei manager più esperti di innovazione e nuove tecnologie; Maria Carmela Ostillio, docente in Bocconi, Coordinatore Scientifico e Responsabile della Brand Academy presso la stessa Università; infine, Paola Maugeri, la signora del rock, giornalista radiofonica di lungo corso, divulgatrice convinta di uno stile di vita consapevole.

Inoltre, numerosi manager di Amundi, a partire dal nostro AD Cinzia Tagliabue, saranno relatori alle conferenze organizzate da Assogestioni insieme ad altri rappresentanti dell’industria dell’asset management.

Per approfondimenti e iscrizioni è possibile consultare la piattaforma del Salone del Risparmio ( www.salonedelrisparmio.com ). Vi ricordiamo che tutte le attività che si svolgono nelle  tre giornate del Salone sono fruibili anche in streaming.

Altre news

shift and narratives 3 cop26
24/05/2021 Economia e mercati, In primo piano

“Shift and Narratives” #3: Perché gli investitori dovrebbero prestare attenzione alla COP26?

La Conferenza delle Parti (COP26) che si terrà a Glasgow è stata acclamata come un punto di svolta nella lotta globale al cambiamento climatico, con la nuova amministrazione statunitense e la lunga e faticosa uscita dalla pandemia di Covid-19. A sei anni dall'accordo di Parigi, l'obiettivo è chiaro: limitare l'aumento delle temperature a 1.5°C al di sopra delle medie preindustriali, il che significa raggiungere entro il 2050 emissioni nette di carbonio pari a zero, e ridurle della metà in questo decennio.