I Piani Individuali di Risparmio (PIR)

I “Piani Individuali di Risparmio” (PIR) sono stati istituiti recentemente grazie allaLegge di Stabilità 2017, con l’obiettivo di canalizzare il risparmio delle famiglie verso prodotti di lungo termine in grado di favorire la crescita del sistema imprenditoriale italiano a fronte di uno sgravio fiscale per l’investitore.

Pur essendo di recente istituzione, hanno già preso piede sul mercato perché possono offrire un’opportunità di investimento importante in una fase di prolungata incertezza dei mercati come quella attuale. 

Caratteristiche di un PIR

1 La normativa prevede l’investimento in titoli emessi da società residenti in Italia o in Stati membri dell’Unione Europea o aderenti all’accordo sullo spazio economico europeo con stabile organizzazione in Italia. 
2 Società non comprese all’interno di indici ad elevata capitalizzazione (FTSE MIB o equivalenti di altri mercati regolamentati).

Scopri le soluzioni Amundi PIR

Questi contenitori fiscali offrono alle persone fisiche residenti in Italia l’esenzione totale dalla tassazione dei redditi (redditi di capitale o redditi diversi di natura finanziaria derivanti dagli investimenti nei PIR) e l’esenzione dall’imposta di successione. Tuttavia, affinché il risparmiatore benefici dei suddetti vantaggi fiscali, l’investimento dovrà avere una durata di almeno 5 anni.

Portafoglio azionario a gestione attiva che investe in società italiane di media o elevata capitalizzazione. 

Per saperne di più

Ampio universo di investimento che consente un’adeguata diversificazione tra diverse asset class.

Per saperne di più

Fondo bilanciato caratterizzato da un basso livello di rischio e da una esposizione azionaria massima contenuta.

Per saperne di più

Fondo prevalentemente investito in azioni italiane con una preponderanza di titoli a bassa e media capitalizzazione. 

Per saperne di più

ETF che ha l’obiettivo di replicare il più fedelmente possibile la performance dell’indice FTSE Italia PIR Benchmark.

Per saperne di più