Mix di crescita-inflazione e trend di politica monetaria

Martedì, 03 Maggio 2022

Economia e mercati Video,

Quali sono i fattori al centro dell'attenzione degli investitori finanziari?

Sui mercati azionari hanno pesato la continuazione della guerra in Ucraina, i timori per la crescita e l’inflazione legati ai nuovi lockdown in Cina e le dichiarazioni delle banche centrali sempre più decise sulla battaglia verso l’inflazione. Le divergenze di mercato offriranno l'opportunità per calibrare il rischio di portafoglio verso aree di investimento più resilienti.

Guarda il video commento mensile di Monica Defend, Head of Amundi Institute.

Altre news

it giugno 2022 italia
29/06/2022 Investment Talks, Economia e mercati

Proiezioni macroeconomiche per l'economia italiana e le implicazioni per il reddito fisso

Il contesto globale e la situazione macroeconomica attuale dell’Italia: il rischio crescente di stagflazione sta inducendo un taglio delle stime sulla crescita e, al contempo, un aumento delle revisioni delle stime sull’inflazione. Le previsioni di crescita per l’Italia sono state riviste al ribasso per via dell’inasprimento delle condizioni finanziarie e della normalizzazione della politica monetaria, due fenomeni accompagnati dalla crisi energetica in Europa e dalle strozzature delle catene del valore globali. Di conseguenza, la crescita del PIL in Italia è stata rivista al ribasso e portata al 2,6% per il 2022, mentre nel 2023 dovrebbe rallentare e attestarsi all’1%; il PIL nella zona Euro dovrebbe invece crescere nel 2022 del 2,4% e rallentare all’1,3% nel 2023.  Le proiezioni sull’inflazione sono state riviste al rialzo in quanto si ipotizza uno scenario caratterizzato da un aumento del prezzo del petrolio e da un’inflazione realizzata più robusta e più generalizzata: per il 2022 prevediamo per l’Italia e per la zona Euro un’inflazione media rispettivamente del 7,3% e del 7,5%, mentre per il 2023 ci aspettiamo una sua riduzione, con una media del 3,9% in Italia e del 4,1% nella zona Euro.