Ucraina/Russia: informativa sui portafogli

Mercoledì, 02 Marzo 2022

   

Ultima data di aggiornamento: 21/06/2022

In relazione agli eventi che stanno avvenendo in Ucraina, qui di seguito sono disponibili informazioni relative agli investimenti e alla gestione di portafoglio:

Impatto sui fondi Amundi a causa delle sanzioni dell'UE contro la Russia e la Bielorussia  a decorrere dal 12 aprile 2022, (COUNCIL REGULATIONS EU 2022/328 and 2022/398).

Il gruppo Amundi adotta tutte le misure necessarie per garantire la rigorosa osservanza delle sanzioni pubblicate da Francia, Unione europea, Nazioni Unite (ONU), Dipartimento degli Stati Uniti per il controllo delle attività estere (OFAC) e da altri regimi locali applicabili alle sue controllate e filiali nei paesi in cui opera.

Le sanzioni promulgate dall'Unione Europea, REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO (EU) 2022/328 del 25 febbraio 2022 (articoli 5e  e 5f), che modifica il Regolamento (EC) n. 833/2014 e il REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO (EU) 2022/398 del 9 marzo 2022 (articolo 1x e 1y) che modifica il regolamento (EC) n. 765/2006, sono intesi a:

  • vietare la vendita di titoli denominati in euro emessi dopo il 12 aprile 2022 o di quote di organismi di investimento collettivo che offrono un'esposizione a tali titoli;
  • vietare ai depositari centrali di titoli dell'Unione di prestare qualsiasi servizio relativo a titoli emessi dopo il 12 aprile 2022;

a qualsiasi cittadino russo o bielorusso, a qualsiasi persona fisica residente in Russia o in Bielorussia o a qualsiasi persona giuridica, entità o organismo stabiliti in Russia o in Bielorussia.

 

Di conseguenza, a decorrere dal 12 aprile 2022, è vietata la sottoscrizione di qualsiasi fondo del gruppo Amundi a:

  • qualsiasi cittadino russo e bielorusso
  • qualsiasi persona fisica residente in Russia o in Bielorussia
  • qualsiasi persona giuridica, entità o organismo stabiliti in Russia o in Bielorussia

ad eccezione di:

  • cittadini con doppia cittadinanza*
  • cittadini di Stati membri dell'Unione Europea o da Monaco residenti in Russia o in Bielorussia
  • persone fisiche russe o bielorusse titolari di un permesso di soggiorno permanente o temporaneo in uno stato membro dell'Unione europea o da Monaco

*Definizione di doppia cittadinanza valida in questo contesto: avente una cittadinanza russa o bielorussa e una cittadinanza di uno stato membro dell’Unione Europea o da Monaco

Esposizione dei portafogli a Russia, Bielorussia e Ucraina

Per essere informati sull'esposizione aggregata alla Russia, alla Bielorussia e all'Ucraina dei fondi di investimento aperti di Amundi, è disponibile qui di seguito un file con il dettaglio della nostra attuale esposizione di portafoglio. Il file (in inglese) indica la percentuale del NAV per i fondi di investimento di tipo aperto Amundi che hanno un’esposizione alla Russia, alla Bielorussia e all’Ucraina.

Aggiorneremo queste informazioni in modo costante, allo scopo di tenervi informati sull’evoluzione della situazione.

Amundi Exposure Ukraine Russia

Il documento viene aggiornato frequentemente. Vi invitiamo a controllare regolarmente questa pagina.

Si noti che l'elenco si riferisce a tutti i fondi aperti Amundi interessati, indipendentemente dai paesi di registrazione.

Sospensione del NAV

La borsa di Mosca è chiusa da lunedì 28 febbraio ai residenti non russi. Pertanto, non siamo in grado di applicare una valorizzazione appropriata ad alcuni attivi russi nei quali alcuni dei nostri fondi hanno investito. Nel rispetto del miglior interesse di tutti gli investitori, Amundi ha deciso di sospendere le sottoscrizioni e i rimborsi di tutti i fondi che detengono più del 10 % di attivi russi quotati a livello domestico.

Tali misure si applicano ai seguenti fondi aperti:

  • Amundi Funds Russian Equity (fondo di diritto lussemburghese) a partire da lunedì 28 febbraio 2022
    Paesi di registrazione delle classi di quote: Lussemburgo, Regno Unito, Svizzera, Germania, Italia, Francia, Ungheria, Slovacchia, Spagna, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Portogallo, Liechtenstein, Bulgaria
  • Amundi Eastern Europe Stock (fondo di diritto austriaco) a partire da lunedì 28 febbraio 2022
    Paesi di registrazione delle classi di quote: Austria
  • Amundi Funds Emerging Europe and Mediterranean Equity (fondo di diritto lussemburghese) a partire da martedì 1 marzo 2022
    Paesi di registrazione delle classi di quote: Lussemburgo, Regno Unito, Svizzera, Germania, Svezia, Austria, Italia, Bulgaria, Romania, Cipro, Francia, Grecia, Ungheria, Slovacchia, Finlandia, Taiwan, Repubblica Ceca, Irlanda, Spagna, Liechtenstein, Paesi Bassi, Slovenia, Cile

E anche al fondo non aperto alla distribuzione, Ocean Fund Equities Eastern Europe (fondo di diritto lussemburghese) a partire da lunedì 28 febbraio 2022.

Il fondo Amundi CR Dluhopisovy Plus (fondo di diritto della Repubblica Ceca), che era stato sospeso lunedì 28 febbraio 2022, è nuovamente operativo per sottoscrizioni e rimborsi a partire dall’8 marzo 2022.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare l’avviso agli azionisti relativo a ciascun fondo.

Sospensione del NAV - ETF

A causa della sospensione delle quotazioni da parte di Euronext, Borsa Italiana e Deutsche Börse di tutti gli ETF esposti alla Russia e tendendo conto del fatto che le componenti sottostanti dell'indice non possono essere attualmente negoziate, è stato deciso, per tutelare gli interessi degli investitori dei fondi, di sospendere la valorizzazione e l'emissione, i rimborsi e la conversione delle quote dei due seguenti ETF Lyxor, fino a diverso avviso:

  • Lyxor PEA Russie (MSCI Russia IMI Select GDR) UCITS  ETF - FR011869387  a partire da venerdì 4 marzo 2022
    Paese di registrazione: Francia
  • Lyxor MSCI Russia UCITS ETF - LU1923627092 (ad accumulazione) e LU1923627332 (a distribuzione) a partire da venerdì 4 marzo 2022
    Paesi di registrazione, tutte le classi aggregate: Lussemburgo, Belgio (solo a distribuzione), Austria, Norvegia, Paesi Bassi, Francia, Finlandia, Spagna, Svezia, Germania, Italia, Svizzera, Danimarca, Giappone, Regno Unito, Cile.

 

Informazioni sulla valorizzazione degli attivi russi nei fondi aperti Amundi

Nell’attuale contesto di mercato, Amundi adegua quotidianamente la sua politica di valorizzazione degli attivi russi, tenendo conto degli ultimi sviluppi nei mercati locali e internazionali.

Le seguenti regole di valorizzazione si applicano a tutti i fondi aperti europei a partire dal 7 marzo, fino a diverso avviso:

  • Azioni: tutti i titoli ADR, GDR e  locali sono valorizzati a zero.
  • Per i titoli obbligazionari negoziati a livello locale:
    • Obbligazioni in rubli (RUB): 5% del valore nominale
    • Obbligazioni in valuta forte: 20% del valore nominale

Per i prodotti azionari e a reddito fisso in rubli viene utilizzato il tasso di cambio corrente giornaliero.

Le informazioni di cui sopra sono soggette a modifica in relazione dell’evoluzione della situazione.

Altre news

it giugno 2022 italia
29/06/2022 Investment Talks, Economia e mercati

Proiezioni macroeconomiche per l'economia italiana e le implicazioni per il reddito fisso

Il contesto globale e la situazione macroeconomica attuale dell’Italia: il rischio crescente di stagflazione sta inducendo un taglio delle stime sulla crescita e, al contempo, un aumento delle revisioni delle stime sull’inflazione. Le previsioni di crescita per l’Italia sono state riviste al ribasso per via dell’inasprimento delle condizioni finanziarie e della normalizzazione della politica monetaria, due fenomeni accompagnati dalla crisi energetica in Europa e dalle strozzature delle catene del valore globali. Di conseguenza, la crescita del PIL in Italia è stata rivista al ribasso e portata al 2,6% per il 2022, mentre nel 2023 dovrebbe rallentare e attestarsi all’1%; il PIL nella zona Euro dovrebbe invece crescere nel 2022 del 2,4% e rallentare all’1,3% nel 2023.  Le proiezioni sull’inflazione sono state riviste al rialzo in quanto si ipotizza uno scenario caratterizzato da un aumento del prezzo del petrolio e da un’inflazione realizzata più robusta e più generalizzata: per il 2022 prevediamo per l’Italia e per la zona Euro un’inflazione media rispettivamente del 7,3% e del 7,5%, mentre per il 2023 ci aspettiamo una sua riduzione, con una media del 3,9% in Italia e del 4,1% nella zona Euro.