Informazioni amministrative

Fiscalità

Certificazioni fiscali aggiornate ai sensi del D. Lgs. 138 del 13 agosto 2011, relativo alla percentuale media dei titoli pubblici italiani ed esteri (emessi da stati appartenenti alla c.d. White List) e dell'art.3 del Decreto legge 66/2014.

Archivo certificazioni fiscali

Fondo interessato Data di pubblicazione
First Eagle Amundi Certificazione fiscale 2 semestre 2016 08/07/2016
Amundi Funds - certificazione fiscale 1° semestre 2016 07/07/2016
First Eagle Amundi - Certificazione fiscale 1° semestre 2016 07/07/2016
Amundi Money Market Fund - Certificazione fiscale 1° semestre 2016 07/07/2016
Amundi Money Market Fund - Certificazione fiscale 2° semestre 2015 07/07/2015
First Eagle Amundi - Certificazione fiscale 2° semestre 2015 07/07/2015
Amundi Funds - certificazione fiscale 2° semestre 2015 07/07/2015

1° Luglio 2014 : aumento aliquota tassazione delle rendite finanziarie al 26%

Con la riforma delle aliquote di imposizione sulle rendite finanziarie introdotta dal DL 66/2014, l’Italia si allinea, dopo il primo aumento del 2012, alla media delle aliquote più diffusamente applicate nella zona Euro. Peraltro, e differentemente da quanto avviene negli altri Paesi, viene accentuata ulteriormente (e resa superiore al 100%), la forbice esistente tra la tassazione dei redditi derivanti da titoli pubblici (italiani ed esteri della white list), e tutte (o quasi) le altre forme di reddito finanziario;
Al momento, rimane ferma l’aliquota dell’11% sui risultati di gestione dei fondi pensione, mentre le Casse di Previdenza obbligatoria subiranno anch’esse un aggravio impositivo al 26%. Le polizze assicurative, al pari dei fondi comuni, subiranno un aumento della tassazione al 26%.

Sia le polizze vita, sia i fondi comuni mobiliari (italiani ed esteri armonizzati) conserveranno il vantaggio del gravame ridotto al 12,5% sulla componente di portafoglio rappresentata dai titoli pubblici italiani ed esteri della white list.
Per i fondi comuni di investimento italiani e per gli OICR esteri, sui realizzi derivanti da riscatti o trasferimenti successivi al 30/06/2014 verrà applicato il 26% sulla parte di delta Nav positivo maturato successivamente al 30/06/2014, mentre su quella maturata fino a tale data, occorrerà applicare un criterio di calcolo del 20% “per maturazione”. Con questa modalità, la Sgr (o il SIP per i fondi esteri) non dovranno gestire domande di affrancamento.

Lista Distributori