Ultime dai mercati | Aggiornamento del 23 marzo 2020

Lunedì, 23 Marzo 2020

Economia e mercati

La settimana scorsa è stata caratterizzata dalle manovre senza precedenti messe in campo dalle principali autorità monetarie e governative mondiali per fare in modo che uno shock esogeno come quello della pandemia in atto non si trasformi in una crisi finanziaria con effetti a catena che potrebbero minare la velocità e l’entità della futura ripresa, una volta arginata l’emergenza. Sotto questo profilo, non si può non riconoscere che le Banche Centrali, in virtù dell’esperienza maturata nel corso della Grande Crisi Finanziaria del 2008, si stanno muovendo velocemente, in alcuni casi con qualche tentennamento subito cancellato, al fine di evitare quanto più possibile l’effetto contagio sui mercati finanziari.

Sul fronte delle politiche fiscali, anche qui l’Unione Europea ha finalmente rotto tutti gli indugi annunciando a fine settimana, per voce della Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen la sospensione del “Patto di Stabilità e Crescita”, l’accordo siglato nel 1997 ed in vigore dal primo gennaio 1999, che prevede il rispetto di alcune regole di bilancio per garantire la permanenza all’interno della Unione Monetaria Europea, di cui la principale in questo momento è la sospensione della regola del mantenimento del deficit di bilancio al di sotto del 3% del Prodotto Interno Lordo (PIL). Non solo, ma la von der Leyen ha anche affermato che la Commissione sta studiando la possibilità di emettere un’obbligazione “coronavirus” europea che rappresenterebbe il primo concreto esempio di Eurobonds, di cui tanto si è discusso in passato senza arrivare ad un accordo condiviso tra gli Stati membri sul loro utilizzo.

Leggi l'approfondimento completo   Ascolta il Podcast di Giordano Beani


Documenti

Altre news

ultime dai mercati 5
03/04/2020 Economia e mercati

Ultime dai mercati | Aggiornamento del 3 aprile 2020

Ieri il Presidente USA Donald Trump ha dichiarato l’apertura al dialogo tra OPEC e la Russia per giungere a possibili tagli della produzione, alimentando ulteriormente il rimbalzo del petrolio che ha chiuso la giornata in rialzo del 21% poco sotto i 30 dollari al barile per il Brent. Molti operatori però sono dubbiosi in relazione alle dichiarazioni di Trump il quale ha citato possibili tagli alla produzione di 10/15 milioni di barili al giorno, quantità che sembra esagerata in relazione al fatto che un mese fa non si raggiunse l’accordo su una quantità assai più bassa di 1,5 milioni.