PRI assessment 2020: Amundi ottiene il rating A+ in tutte le categorie

Lunedì, 28 Settembre 2020

In primo piano

I Principi per l’Investimento Responsabile (PRI) hanno assegnato ad Amundi un rating A+, il punteggio più alto possibile, in ogni categoria.

Questi risultati rappresentano un riconoscimento internazionale della strategia di investimento responsabile di Amundi, della sua capacità di applicare i criteri ESG alle diverse asset class - azionario, fixed income e private equity - e della sua politica di engagement e di voto. Si tratta di una dimostrazione dell’applicazione del piano di Amundi che si prefigge di integrare in modo generalizzato i criteri ESG nei processi di investimento e nelle politiche di voto.

Amundi migliora il proprio rating nell'ultimo anno ottenendo il punteggio massimo, ovvero A+, in tutte le categorie, compresa la sezione Private Equity di cui ha divulgato i dati per la prima volta quest'anno.

Operare da istituzione finanziaria responsabile è un principio fondante di Amundi e un impegno fondamentale della sua strategia di sviluppo. Questo impegno si riflette nel processo di investimento responsabile e nella gamma di soluzioni che Amundi ha sviluppato per aiutare gli investitori a definire e attuare la loro strategia di investimento responsabile.

In quanto membro fondatore e firmatario dei PRI fin dalla loro costituzione nel 2006, Amundi contribuisce attivamente all’applicazione di tali principi. La valutazione compiuta su base annuale mira a verificare in che modo i Principi per l’Investimento Responsabile sono incorporati nelle strategie di investimento, evidenziando come l'attuazione degli investimenti responsabili da parte dei firmatari evolve di anno in anno, tra asset class e società sia a livello locale che globale.

Altre news

giv settembre 2020
15/09/2020 Infografiche, Economia e mercati, In primo piano

Prudenza con la riapertura delle scuole

I mercati finanziari stanno valutando molte notizie positive relative alla ripresa, agli stimoli governativi e alla disponibilità di un vaccino. Tuttavia, come dimostrato dalla recente correzione nel settore tecnologico, questo non è il momento di essere emotivi e seguire il gregge. Al contrario, gli investitori dovrebbero rimanere ben diversificati e adottare un approccio equilibrato che consenta una sufficiente protezione dai rischi e in grado di fornire esposizione alla ripresa.